Novità in arrivo nel trattamento delle infiammazioni oculari croniche

È ormai noto che le malattie croniche siano la principale causa di problemi invalidanti, soprattutto nei paesi industrializzati, che comportino alti costi per il sistema sanitario nazionale e non pochi disagi nella vita quotidiana dei pazienti che ne sono affetti. Sono patologie caratterizzate da un lento e progressivo declino delle normali funzioni fisiologiche e conseguenza di un danno ossidativo.
L’importanza di contrastare l’infiammazione silente, comune denominatore di ciascuna di queste patologie, rimane ad oggi, insieme alla prevenzione e ad un corretto stile di vita, l’unica arma a disposizione per ritardare l’insorgenza di patologie oftalmiche correlate a questi processi infiammatori.

In quest’ottica si inserisce uno studio internazionale multicentrico sulle infiammazioni oculari che vede il coinvolgimento di 3 paesi (Italia – Turchia – Stati Uniti) in 4 centri specialistici (S.S. Uveiti Ospedale di Rapallo ASL 4 Chiavarese – S.S. Uveiti Azienda Ospedaliera Arcispedale Santa Maria Nuova IRCCS Reggio Emilia – Uveitis Center Istanbul – University of Miami Miller School of Medicine Bascom Palmer Eye Institute U.S.).

Lo studio interesserà 60 pazienti con uveite cronica recidivante HLAB-27 correlata. Il trattamento si svolgerà in doppio cieco, prodotto versus placebo, per un periodo di trattamento di 12 mesi.

I pazienti verranno trattati con un estratto di tutti e tre i principali curcuminoidi presenti nella curcuma (diferuloilmetano, desmetossicurcumina e bisdemetossicurcumina), resa biodisponibile e bioassorbibile a livello endogeno attraverso un sistema brevettato. La formulazione utilizzata, somministrata per via orale, aveva già dimostrato ottimi risultati in un precedente studio preliminare, riducendo dell’80% le recidive nei pazienti con uveite, evidenziando come la sostanza, così estratta e veicolata, abbia un ruolo nel contrastare gli effetti dell’infiammazione cronica.

Un approccio terapeutico senza tossicità che sfrutta i principi naturali, senza effetti collaterali il cui effetto terapeutico sarebbe legato a parametri di tollerabilità e sicurezza della materia prima e delle biodisponibilità della stessa garantita dalla formula.

Share Button