La profilassi antibiotica nel pre-post operatorio: cosa dicono le linee guida? Focus sulle associazioni antibiotico/corticosteroide e rischio medico-legale

Settembre 2016

Gli aspetti medico-legali della profilassi antibiotica e il concetto di “assistenza basata su dati scientifici” devono essere attentamente bilanciati con il corretto uso di antibiotici a fronte della crescente insorgenza di resistenze. L’iniezione di cefuroxima intracamerulare alla fine dell’intervento sembra ormai inevitabile. La sua assenza è un fattore di rischio dimostrato per endoftalmite post intervento chirurgico di cataratta16. Sul piano medico-legale, la sua assenza non può essere giustificata se non da controindicazione accertata alla cefuroxima (in pratica, antecedente o sospetta allergia alle cefalosporine).

La profilassi antibiotica topica postoperatoria è piuttosto incoraggiata dalla maggior parte delle linee guida internazionali, soprattutto in caso di complicanza o ritardata cicatrizzazione ed è consigliata in modo inequivocabile da alcune linee guida. Fra tutti i farmaci disponibili, il cloramfenicolo possiede buona cinetica oculare e spettro antibatterico adeguato e penetra in camera anteriore, a differenza degli aminoglicosidi (tobramicina e netilmicina).

pdf-icon PDF: 16_03_01_La profilassi antibiotica nel pre-post operatorio cosa dicono le linee guida

Share Button